Comunichiamo importanti novità in materia fiscale che vedono un riconoscimento dello studio della musica per le famiglie con reddito complessivo tra € 30.000 ed € 36.000.
L’Istituto Musicale Città di Bollate è Associazione riconosciuta da Pubblica Amministrazione, come da Delibera di Giunta – Comune Città di Bollate n. 112 del 04/09/2020. Le famiglie che rientrano nei parametri indicati potranno quindi presentare come documentazione le ricevute fiscali rilasciate dall’Istituto.
Rimaniamo a disposizione per eventuali chiarimenti.

Riportiamo di seguito le misure in vigore:
DETRAZIONE FISCALE
La Legge di Bilancio introduce ai commi 346 e 347 la detraibilità del 19% per un importo non superiore a 1.000 euro di spese sostenute, anche nell’interesse dei familiari fiscalmente a carico, da contribuenti con reddito complessivo non superiore a 36.000 euro per lo studio e la pratica della musica di ragazzi tra i 5 e i 18 anni, presso conservatori di musica, istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica (AFAM), cori, bande e scuole di musica riconosciute da una pubblica amministrazione.
La detrazione spetterà dall’anno di imposta in corso alla data del 1° gennaio 2021.

CONTRIBUTO PER EDUCAZIONE MUSICALE
E’ stato approvato un Emendamento al Decreto Rilancio a sostegno delle famiglie con ISEE fino a 30.000 euro che frequentano le scuole di musica.
L’emendamento prevede un contributo non superiore ai 200 euro per le spese sostenute per la frequenza delle lezioni di musica dei figli minori di anni 16 già iscritti alla data del 23 febbraio 2020 presso le scuole di musica iscritte nei registri regionali nonché per la frequenza di cori, bande e scuole di musica riconosciute da pubblica amministrazione.
Il contributo può essere richiesto una sola volta da ciascun nucleo familiare ed è riconosciuto a condizione che la spesa sia sostenuta con versamento bancario o postale ovvero mediante altri sistemi di pagamento previsti dall’articolo 23 del decreto legislativo 9 Luglio 1997, n. 241.
La domanda di partecipazione deve essere compilata ed inviata esclusivamente in via telematica a partire dal 15 marzo 2021 ed entro le ore 12 del 15 aprile 2021, a pena di esclusione, utilizzando la specifica applicazione informatica che sarà resa disponibile sul sito internet www.beniculturali.it e della Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali www.dger.beniculturali.it seguendo le relative istruzioni fornite dal sistema informatico.

La Direzione